sentiero lago santo monte giovo

Costeggio il lago lungo il lastricato pedonale che ne percorre la sponda orientale fino a raggiungere, dopo aver superato il Rifugio Marchetti, il Rifugio Giovo.Ben 3 punti di appoggio in poche centinaia di metri fan capire la grande frequentazione che questo luogo ha sempre avuto.Salgo pochi metri nella faggeta allontanandomi dal lago e mi innesto nel sentiero 529 che seguo verso nord (sinistra).Dopo alcuni saliscendi il percorso inizia a salire in modo più deciso per spianare presso un recinto.Ancora un po’ di saliscendi, oltrepasso il bivio per la più frequentata salita al Monte Giovo (sentiero 527) ed arrivo all’importante crocevia del Passo Boccaia (q. Al ritorno sentiero 00 di crinale fino al Colle Bruciata - poi itinerario 529 che attraversa la grande conca di origine glaciale sul versante nord-orientale del Giovo - Passo Boccaia - Lago Santo L’utilizzo dei medesimi viene effettuato su propria iniziativa del singolo visitatore. La vetta del Monte Giovo appare ormai non distante. Arriviamo al L ago Santo quando ancora i primi turisti sono lontani e i rifugi si preparano ad accogliere i clienti. Il Monte Giovo, frequentata cima dell’Appennino Tosco-Emiliano raggiungibile con 4 diversi sentieri. Seguire la carraia che in pochi minuti porta al Rifugio Vittoria (1505 m) sulle sponde del Lago Santo da dove sono già visibili i canali. Il sentiero in breve intercetta una sterrata che va percorsa in salita, quindi si trascura la deviazione a sinistra sul 519, con indicazione per Foce a Giovo, e si procede dritti giungendo in breve al Lago Baccio mt. Sono presenti anche una catena e un cavo metallico utile per chi volesse usare un imbrago o un cordino di emergenza. © 2021 Sentieri in Cammino | Powered by, Monte Giovo dal Lago Santo per il Piano dell’Altaretto. Lasciato definitivamente il lago, il sentiero prosegue ancora nel bosco, salendo leggermente verso sinistra, fino ad arrivare ad un bivio, dove sulla sinistra si stacca il sentiero numero 527, che indica il Monte Giovo come unica direzione. Tosco-emiliano 1:25.000 quadro 19 Ed. Quando mancano un centinaio di metri al lago, supero una pietraia termine delle difficoltà di giornata. Il bacino è in parte di origine glaciale e in parte causato da una frana. Seguici su Instagram e lasciaci un cuoricino, sapremo che sei passat*. *I tempi inseriti corrispondono a quanto presente nella cartellonistica posta lungo i sentieri dove presenti. Partenza a piedi dal parcheggio sottostante il lago Santo (m.1500); da lì prenderemo il sentiero n° 523 e poi il 519 fino a Foce a Giovo (m. 1664). Prima di giungere sul crinale in coincidenza del Colle Bruciata (m 1700) attraversiamo una fitta boscaglia con qualche asperità. si e’ in vetta del Giovo m.1991. Dopo un po’ di pausa ritorno sui miei passi fino all’incrocio con il sentiero 525 che ora seguo.Si tratta di una vera e propria picchiata di quasi 500 metri di dislivello. Dopo mezz’ora abbondante di salita ecco infine la croce Scout che segna la cima del monte Giovo. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a info@sentieriincammino.it e saranno immediatamente rimosse. Chi sono e cosa fanno, Eleonora Tassinari – Shiatsu e Medicina Tradizionale Cinese, Ciaspolata da Capanna Tassoni alla Croce Arcana. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Si declina ogni responsabilità per gli eventuali errori o inesattezze presenti nel blog e per gli eventuali danni o incidenti che da essi ne derivino. Arrivato alla Borra dei Porci, un piccolo altopiano sospeso quasi 200 metri sopra il Lago Santo, entro nel bosco.Il sentiero permane molto sconnesso e ripido. La giornata è completamente serena. Privacy Policy(function (w,d) {var loader = function () {var s = d.createElement("script"), tag = d.getElementsByTagName("script")[0]; s.src="https://cdn.iubenda.com/iubenda.js"; tag.parentNode.insertBefore(s,tag);}; if(w.addEventListener){w.addEventListener("load", loader, false);}else if(w.attachEvent){w.attachEvent("onload", loader);}else{w.onload = loader;}})(window, document); * Usando questo Form acconsento al tratttamento dei dati personali come da informativa sulla privacy. La croce del Monte Giovo si allontana e si avvicina il lago ai nostri occhi. 1554, in 25 min. Con leggeri saliscendi attraverso i Campi di Annibale, bell’anfiteatro di origine glaciale che scende dalla cima del Monte Giovo. Dal Lago Santo al Monte Giovo passano per il Passo della Boccaia. Monte Giovo al lago Santo, Appennino Modenese. Valle dei Frati e Altopiano dei laghi da Carona, Cascate di Barbiano e Tre Chiese da Villandro, Ho letto e accetto i termini e le condizioni. Poi appare anche il Monte Cimone. Abbandonato il sentiero 519, che taglia verso la Foce a Giovo, si continua a destra lungo la mulattiera principale (segnavia 523), che sale dolcemente fino a sbucare nella conca del Lago Baccio (1559 m). La discesa è stata dura ma la fatica ti obbliga a fermarti godendo così di una quiete infinita che riempie l’anima. Il Monte Giovo sovrasta coi suoi 1997 m. s.l.m il lago Santo, altre vette si presentano agli occhi del visitatore: Rondinaio e Femmina Morta (la popolazione locale ama definirla "la Bella Addormentata"). Le difficoltà sono classiche nella prima parte, più divertenti e impegnative nel secondo tratto con qualche ripido passaggio (70/80°) che si supera con due tiri di corda. Il fondo roccioso potrebbe risultare scivoloso per cui sono state posizionate un paio di corde a cui eventualmente aggrapparsi. Ti consigliamo di goderti questa splendida vista perché poi … Mi incammino lungo la strada sterrata che sale al lago ed in pochi minuti mi trovo a fianco del Rifugio Vittoria.Di fronte è presente una fontana in cui rifornirsi d’acqua.Davanti a me i 500 metri della parete est del Monte Giovo che scende con ripide balze fino alle acque del bacino naturale (q. Restando sempre sul sentiero n° 523 ben segnalato e visibile si arriva al Passetto ( q. Info utili per affrontare il trekking dal Lago Santo al Monte Giovo: Ciaspolata da Capanna Tassoni alla Croce Arcana. Sul Lago... Cosmonauti Maggiori. Chi volesse percorrere gli itinerari descritti è tenuto al reperimento delle necessarie informazioni per la sicurezza in loco o presso associazioni escursionistiche della zona e a dotarsi sia della necessaria attrezzatura che di carta escursionistica aggiornata. L’ascesa e discesa da e per il Monte Giovo possono essere effettuate tramite i sentieri 527 e 00 (dal Passo Porticciola) riducendo durata e difficoltà (E-Escursionistica). Tenendosi sul crinale ci si dirige verso il Monte la Porticciola, percorrendo un primo tratto agevole, su largo crinale prativo. Queste non curanti di noi ma neppure del monte corrono veloci trasportate dal vento e ci fanno sentire un po’ come Messner sull’Everest. 1991 m.). Accetto i termini e le condizioni descritte nella Privacy Policy. Tags: Cerca eventi. dal Lago Santo e 4 ore 30 min. Ogni riproduzione, anche parziale dei testi e delle immagini è vietata, salvo autorizzazione. *Gruppo del Sella: Traversata Passo Gardena-Piz Boè-Passo Pordoi, *Cascate di Barbiano e Tre Chiese da Villandro, *Cascate del Dardagna, Lago Pratignano e Linea Gotica da Farnè, *Corno alle Scale: dai Balzi al Lago Scaffaiolo, *Cime di Romecchio da San Pellegrino in Alpe, *Monte Giovo dal Lago Santo per i Piani dell'Altaretto, *Sentiero delle Cascate di Sant'Anna Pelago, *Cascate del Lavacchiello e Prati di Sara, *Lago della Bargetana e Monte Prado dal Casone di Profecchia, *Monte Alto e le Sorgenti del Secchia dal Passo del Cerreto, *Monte Zaiavor: anello da Passo di Tanamea per Sant’Anna di Carnizza, *Monterosso-Vernazza (Sentiero Verde-Azzurro), *Vernazza-Corniglia (Sentiero Verde-Azzurro), *Pizzo Tre Signori: traversata ovest-est da Ornica, *Valle dei Frati e Altopiano dei laghi da Carona, *Rifugio Casati dall'Albergo Ghiacciaio dei Forni, *Altopiano della Gardetta e Colle Margherina, *Punta Cristalliera e il Vallone di Malanotte dal Rifugio Selleries, *Pian della Mussa-Rifugio Gastaldi-Lago della Rossa, *Giro dei 4 laghi dell'Alta Valle Antrona, *Monte Sagro passando da Monte Borla e Spallone, *Giro del Catinaccio di Antermoia da Mazzin – I Tappa, *Giro del Catinaccio di Antermoia da Mazzin – II Tappa, *Altissimo di Nago – Il versante occidentale e la Val de Parol, *Pasubio: Cima Palon, Dente Italiano e Dente Austriaco da Malga Cheserte, *Col Quaternà e Cima Vanscuro da Malga Coltrondo, *Monte Pavione e Rifugio Dal Piaz dal Passo Croce d’Aune, *Cascate della Valsorda e Vajo delle Scalucce, *Sulle colline di Monteforte d’Alpone e Soave, Monte Pavione e Rifugio Dal Piaz dal Passo Croce d’Aune, Cascate del Dardagna, Lago Pratignano e Linea Gotica da Farnè, Altopiano della Gardetta e Colle Margherina, Sentiero delle Cascate di Sant’Anna Pelago, Tempi progressivi*: Lago Santo parcheggio – Passo Boccaia (45′) – Passo della Porticciola (1h30′) – Bivio sentieri 26/28 (2h00′) – Bivio sentieri 00/26 (2h45′) – Monte Giovo (3h15′) – Lago Santo parcheggio (4h30′), Carta escursionistica: CAI Modena – Alto Appennino Modenese 1:25000. Superato questo tratto le difficoltà diminuiscono, giusto qualche roccetta poi giungo abbastanza in fretta al bivio con il sentiero 525 che seguirò fra un po’. Da una parte la parete sud-occidentale del Monte Giovo, dall’altra tutta la Garfagnana e l’intera catena delle Alpi Apuane. Quindi per il sentiero 00 raggiungeremo Cima dell’Omo e poi attraverseremo i bei Campi di Annibale e passo Boccaia tornando così al Lago Santo. 1460) e seguiamo le indicazioni per il Lago Baccio, (sentiero 523, oltrepassare la deviazione del 519 che porta direttamente a Foce a Giovo), che raggiungiamo in circa 20 minuti (mt 1554). La prima parte percorre una ripida dorsale fra rocce ed erba.Bellissima la vista contemporanea del Lago Santo e del Lago Baccio. Si deve raggiungere la Cima del Monte Giovo, si può farlo attraverso uno dei canali della parete NE, o come descritto attraverso la facile e panoramica Cresta Nord. Si doppia il contrafforte nord-orientale del Monte Giovo, quindi si giunge ad un importante bivio. Arrivo piuttosto in fretta alla bella prateria del Piano dell’Altaretto.E’ la stagione ideale per godere dei magnifici colori della zona.In alto si vede anche la croce posta sulla cima del Monte Giovo e la rocciosa cresta che dovrò percorrere per raggiungerla. Anello del Monte Giovo a Pievepelago. Si risale a tornanti il primo spallone della cresta, dove crescono ancora radi … Il percorso è abbastanza facile fino ad arrivare al Lago Baccio, uno dei più grandi laghi appenninici della Provincia di Modena, dopo il Lago Santo. Il sentiero sale ripido tra boschetti di faggio e vaccinieti, poi si spiana lievemente e sbuca definitivamente all'aperto. 1714 m.), posto sul confine tosco-emiliano fra Cima dell’Omo e il Monte Giovo. n°522 Difficoltà –→ E Passo Boccaia –→ Lago Santo Modenese –→ sentiero C.A.I. 019 - dal Monte Giovo il Lago Santo e il Monte Cimone . Passando per Pievepelago arriviamo al parcheggio (a pagamento) del Lago Santo. La quinta montagna più alta dell’Appennino Settentrionale, la più alta tra quelle che non raggiungono quota 2000. Scarica la traccia GPS e segui il percorso su una mappa. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Scarica la traccia GPS e segui il percorso su una mappa. Il periodo ideale è certamente inizio autunno quando i boschi e le praterie di mirtilli sono multicolori. Hai mai effettuato questo percorso?Vuoi qualche informazione in più oppure aggiungere qualcosa?Ti invito a commentare o a contattarmi! La partenza avviene dal parcheggio di Lago Santo Modenese,a pagamento-4 euro l'intera giornata,e seguiamo le indicazioni multiple del CAI e tralasciato quasi subito il bivio sulla dx per il Lago Santo,continuiamo sul sentiero 523 che e' in comune con il 521 e il 519 per un altro tratto. Ormai in vicinanza del bacino lacustre, supero un punto in cui dell’acqua scorre lungo il sentiero. Se non si è concordi con quanto espressamente descritto, si prega di interrompere l'accesso. 26-5-18 Mappa usata: App. Poco oltre ignoriamo il sentiero 525 che scende a destra al sottostante Lago Santo (m 1948). Seguo quest’ultimo in salita verso l’Altaretto.Dopo un primo tratto nel bosco, il percorso ne esce appena sopra un lungo balzo roccioso mantenendosi un pochino esposto per alcune decine di metri. Entriamo letteralmente dentro a banchi di nuvole che viaggiano a gran velocità! Si consiglia sempre l’utilizzo di una guida (alpina o di escursionistica) autorizzata ed esperta. (. Cibo: ci sono diversi rifugi affacciati sul Lago Santo quindi il cibo sarà l’ultimo dei vostri problemi. 020 - dalla Cima Grotta Rosa, 1953 m, vista del Lago Baccio. Monte Cimone, ecco il sentiero panoramico più bello... Busatte Tempesta: il sentiero panoramico di Torbole. Partiamo dal parcheggio del Lago Santo (mt. Proseguiamo lungo il sentiero 529, facile e alla portata di tutti, attraversando magnifici paesaggi e distese erbose. Percorso alternativo ma meritevole per accedere alla vetta del Monte Giovo. Torno nella zona del Lago Santo modenese, tra le mie preferite dell'Appennino Tosco-Emiliano.Doveva essere una visita puramente turistica, ma alla fine ho deciso di salire almeno sul Giovo, che mi mancava.Anello breve e poco faticoso (se fatto cosi' come descritto), ma non elementare, a causa di alcuni passi sulla cresta per giungere in vetta. I contenuti del blog sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Appennino tosco-emiliano. L’escursionismo è un’attività potenzialmente pericolosa e va effettuata con la necessaria preparazione fisica, teorica e con l’adeguata attrezzatura. "Giro dei quattro Laghi" con ascensione al Monte Rondinaio Lombardo (1825 m) Lago Santo>Foce a Giovo>Lago Torbido>Lago Turchino>Finestra del Rondinaio>Rondinaio Lombardo>Lago Baccio>Lago Santo. Il vento si è un po’ quietato e riusciamo a godere del panorama mozzafiato che abbraccia in un’unica visione sia il Lago Santo che il Baccio. Passando per Pievepelago arriviamo al parcheggio (a pagamento) del Lago Santo.Una volta arrivati vinciamo la tentazione di andare ad ammirare subito le rive del lago e i suoi colori vivaci e ne seguiamo invece la sponda orientale transitando presso i rifugi Marchetti e Giovo. Qui, viviamo un’esperienza unica: camminiamo letteralmente in mezzo alle nuvole. Guarda la traccia del percorso sulla mappa di Google. Un monte “completo”, con roccia, canaloni, pareti verticali, un aspetto imponente; ma anche con fianchi adagiati e ben accessibili per gli escursionisti. @2019 - Intramundi. Secondo Anello Lago Santo Modenese –→ Monte Giovo –→ sentiero C.A.I. All Right Reserved. Escursioni Madonna di Campiglio, Le cascate di Fanano: le cascate della Rovinaccia. Dal Lago Santo al Monte Giovo passano per il Passo della Boccaia, Passo della Boccaia ai piedi del Monte Giovo. Le nuvole creano dei chiaro scuri pazzeschi e il verde dei prati e dei boschi cambia continuamente colore. Il Canale Centrale è il più conosciuto e si sviluppa con perfetta linearità al centro dell’ampio versante costituito dalla parete NE del Giovo a picco sul Lago Santo. Seguendo lo stradello di salita torno in breve tempo al parcheggio.E’ ora di rilassare le articolazioni messe a dura prova dalla discesa lungo la “Direttissima”. 021 - in discesa lungo il sentiero n. 525, vista dell’Altaretto e del Monte Rondinaio . Ricercatori di energie. n°525 Difficoltà –→ EE Monte Giovo –→ Passo Boccaia –→ sentiero C.A.I. Spostato verso nord e più distante, il Monte Cimone. Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani aggiornato! Multigraphic Part. 1501 m.), affollato di persone, un insieme di escursionisti e turisti visto il facile accesso. Circa 1 km oltre il paese, in direzione del Passo delle Radici, svoltare in direzione del Lago Santo fino al parcheggio (a pagamento). Ripercorriamo poi a ritroso il sentiero nella faggeta che collega il Lago Baccio con il Lago Santo, ma deviamo per visitare il Lago Santo che precedentemente non avevamo visto. Il tracciato è piuttosto stretto e inizialmente perde quota molto lentamente.Mi inoltro nel bosco oltrepassando un fossetto che pochi metri sotto il sentiero crea una bella cascatella. Appennino... Ciaspole Cimone, è sempre un’ottima idea! Salgo lungo l’ampio pendio ed eccomi di nuovo sul crinale principale presso l’Altaretto, affacciato sulla conca di origine glaciale del Lago Baccio con il Monte Rondinaio non molto lontano. Non c’è un grande spiazzo per sdraiarsi vicino alla croce ed inoltre Macchia non lascia in pace i gentili fotografi, così proseguiamo sul sentiero di crinale 00 fino al sentiero 525 anche chiamata “la direttissima”. Fotografie panoramiche del Lago Santo scattate durante la salita alla vetta del Giovo 12 Luglio 2020 07:00. Sono circa 5 metri da percorrere in arrampicata (I grado), molto esposti. 1501 m.) in parte di origine glaciale ed in parte causa frana.Per dimensione è il secondo specchio d’acqua dell’intero Appennino settentrionale, dopo l’omonimo parmense. Il fatto esclusivo di accedere alle pagine del sito comporta la completa accettazione dei termini e convenzioni d'uso qui sotto precisati. E’ una giornata spettacolare, devo solo guadagnare quota per allargare ancora la visuale. Passata la sorgente delle Fontanacce, mi inoltro per un poco nel bosco con il sentiero che diviene più sconnesso.Percorro un traverso lungo un ripido pendio ed eccomi al Passo della Porticciola (q. Raggiunto il crinale si volge a dx e in pochi min. Chiediamo a un gruppo di giovani poco più che ventenni di farci una foto. 023 - il Lago Santo visto da un punto inconsueto . Le voci prendono il posto del silenzio ed è così che rientri, dopo un giro di 3 ore e mezzo, in mezzo agli uomini, nel mondo comune. IL LAGO SANTO Il Lago Santo è sovrastato dal Monte Giovo ed è il più grande lago naturale dell’Appennino modenese, si trova ad un altitudine di 1.501 metri, ha una superficie di 0,053 kmq ed è profondo nel punto massimo circa … Chi invece prosegue con l'itinerario principale, verso il Monte Giovo, continua lungo il sentiero n. 00 di crinale. Oggi ho deciso di percorrere un itinerario piuttosto alternativo con il passaggio dal Piano dell’Altaretto e la discesa per la “direttissima” Monte Giovo-Lago Santo.Poco considerato dagli emiliani ma non calcato spesso anche dai toscani, il Piano dell’Altaretto rappresenta una bella salita per arrivare sullo spartiacque appenninico dal versante toscano. L'ultimo dei tre rifugi che si trovano sul sentiero che costeggia il lago Santo. Continuo a perdere quota. raggiungibile in pochi minuti dal Una volta arrivati vinciamo la tentazione di andare ad ammirare subito le rive del lago e i suoi colori vivaci e ne seguiamo invece la sponda orientale transitando presso i rifugi Marchetti e Giovo. Percorso Vetricia-Lago Santo-Rondinaio -Giovo -Vetricia di Escursionismo in Renaio, Toscana (Italia). Inizia adesso la parte più impegnativa del percorso.L’ascesa verso la cima del Monte Giovo lungo il sentiero 00 porta subito al superamento di alcune facili roccette.Molto bella anche la visuale verso il lago Baccio posto circa 400 metri più in basso. Trasporti pubblici: collegamento in autobus Seta fino a Dogana o Pievepelago. L’immagine del Lago Santo avvolto dal bosco variopinto fa da sfondo a quest’ultima parte del percorso. Qui abbandono i percorsi a lunga percorrenza citati in precedenza e diretti a San Pellegrino in Alpe per svoltare lungo il sentiero 00 verso il Giovo.Questa sarebbe la via più semplice per raggiungere la vetta ma io presto devio verso sud e con il sentiero 28 mi inoltro in territorio toscano lungo il ripido versante occidentale della montagna. Qui trovi il percorso di questa escursione con vedute mozzafiato. Effettuata il: sab. In alternativa a questo sentiero, che noi abbiamo preferito visto l’avvicinarsi di un bel temporale estivo, si può allungare un po’ il giro tornando sui propri passi sul sentiero di crinale 00 fino a incrociare il sentiero 527 che riporta al passo della Boccaia. Lago Santo - Monte Giovo - Colle Bruciata - Lago Santo ... e si attacca il contrafforte settentrionale del Monte Giovo. La cresta diviene ancora più ampia e rassicurante in debole pendenza e tra facili prati d’altitudine. Ci sono capitato una sera con un gruppo di amici dopo essere andato a fare un giro con i ramponi in notturna a gennaio sul monte Rondinaio. Accesso: Dal rifugio Vittoria, raggiungibile da Pieve Pelago (MO) in10 minuti di auto, si segue il sentiero 525.Usciti … Da qui per il sentiero 00 l’itinerario di cresta ci porterà attraverso continui sali e scendi prima alla vetta del Rondinaio e poi del Giovo … Eccomi tornato sulle sponde del Lago Santo e in un paio di minuti davanti al Rifugio Vittoria. Scendo ora più decisamente fino ad uno stradello e, subito dopo, all’incrocio con il sentiero 26. Ogni itinerario indicato è frutto della mia personale esperienza, ciò non implica che non possano essere presenti errori. A parte un breve sentiero che collega al parcheggio, al lago Santo si arriva anche in auto; da qui uno dei possibili percorsi porta verso il monte Giovo, che dalle rive del lago appare come una massiccia parete, livellata nella parte alta. Nel silenzio della montagna sembra di essere in una foresta incantata. 1574 m.), crocevia di numerosi percorsi.. Con il sentiero 529, fra boschi e radure, scendiamo al Lago Santo modenese (q. Per la descrizione completa vedi GRUPPO DEL MONTE GIOVO (F. Rosati), Edizioni Il Fiorino (2009). Partenza dal Lago Santo Modenese - Passo Boccaia - sentiero 527 che risale tutta la dorsale settentrionale del Giovo fino alla vetta. Il sentiero "00" divide la Toscana (lato ovest) dall'Emilia Romagna (lato est) come indicano alcuni cippi in pietra che incontriamo, in basso sulla nostra destra abbiamo appena lasciato il Lago Baccio mentre poco prima di giungere sulla vetta del Monte Giovo scorgiamo anche il Lago Santo. Giunti al crocevia prendiamo il sentiero di crinale a sinistra (segnavia 00), qui la strada si fa più ripida e alterna tratti erbosi ad altri sassosi, è necessaria qualche sosta per riprendere fiato e per coprirci visto che il tempo è cambiato ed un forte vento si è alzato. Qui ben 5 sentieri prendono direzioni diverse (fino a qualche anno fa anche il sesto diretto al Monte Giovo incontrato in precedenza).Io seguo il sentiero 529 coincidente con il Sentiero Italia (tappa L16) e l’Alta Via dei Parchi, Grande Escursione Appenninica e Sentiero Europeo E1. Giungiamo così al Passo della Boccaia (q. Guarda il video con le immagini dell’escursione su YouTube. 1574 m.) con la visuale che si apre verso il crinale appenninico dalle Cime di Romecchio fino ai monti Prado e Cusna. Questo sentiero lo abbiamo percorso a ritroso quando dal Lago Santo siamo saliti fino in cima al Monte Giovo. Noi abbiamo seguito il sentiero 521 del CAI che parte proprio dal Lago Santo e prosegue lungo un bellissimo bosco di faggi. Cammino fra pietre e prati con i colori dell’autunno che dipingono i boschi circostanti e le distese di mirtilli. n°529 Difficoltà –→ E Come Arrivare Il punto di partenza Lago Santo Modenese a 1501 metri s.l.m. In questa radura godiamo dello splendido paesaggio e ne approfittiamo per fare una sosta e scattare qualche foto.

Gambero Rosso 2020 Ristoranti, Da Rapallo A Portofino, Nino Benvenuti Età, Www Solitario Gratuito, Www Solitario Gratuito,